Correre idratati e felici

I consigli giusti per non sbagliare

  • 2 novembre 2018

Mantenere la giusta idratazione è uno di quegli argomenti difficili da sviscerare per intero. Ognuno ha le proprie caratteristiche e le proprie esigenze. Alla fine, se bevi troppo poco la tua pipì inizierà a somigliare alla Coca Cola, se bevi troppo sentirai la vescica come una mongolfiera. La verità sta nel mezzo come dicevano gli antichi, e come dicono sempre gli esperti interpellati da www.mondotrail.it

Mondo Trail

Prima di ogni corsa, meglio farsi trovare ben idratati, bevendo una bottiglietta da ½ litro entro 20 minuti prima dell'allenamento. Questo ti porterà con ogni probabilità a dover fare la pipì entro una mezz'ora circa.

Per una corsa fino a 90 minuti, non dovresti aver bisogno di liquidi aggiuntivi, anche se non è una regola fissa. Meglio sperimentare e capire come potrebbe rispondere il proprio corpo. Ricordati che, alla fine, ci siamo evoluti per tollerare lunghi sforzi senza acqua, quindi meglio non esagerare bevendo in continuazione e inutilmente.

Per trail running di oltre 90 minuti, meglio bere di più sino a ¾ di litro se occorre, anche a seconda della sudorazione e la temperatura. Con una scorta unica senza esagerare, si può arrivare anche ad un impegno di corsa di circa 2 ore e mezza.

Se non ci sono fontane o sorgenti lungo il percorso, meglio attrezzarsi con borracce e zaini idrici, (qui se ne trovano a buon mercato e di buona qualità a questo link magari con una scorta di circa 2-3 litri se occorre. Una quantità sufficiente per un programma di almeno 4 ore

Se hai intenzione di correre ancora più a lungo, allora devi mettere in conto di reintegrare anche le scorte di energia, assumendo calorie e/o rimettendo a posto i valori degli elettroliti, Volendo si può pensare di reintegrare ambedue le cose in un sol colpo, grazie all'assunzione di apposite bevande o bustine da sciogliere nell'acqua.

Condividi: